ITALIA

3 Giorni a Palermo: 9 cose da non perdere!

3_giorni_a_palermo.jpg

Avete a disposizione poco tempo e volete trascorrere un fine settimana in una città disordinata ma molto colorata ? Vi consiglio di andare 3 giorni a Palermo!
È facilmente raggiungibile con i voli low cost dai principali aeroporti italiani e qui potrete godere della storia che ha contraddistinto la Sicilia, di un’ottima cucina e di un mare meraviglioso.
Bellissima in ogni stagione, è a mio parere ideale in primavera, quando inizia la fioritura degli alberi da frutto, l’aria è tiepida, le giornate lunghe e spesso il sole consente di girare in maniche corte senza sudare.
Come tutte le grandi città offre una miriade di opportunità e spesso non è sufficiente un week end per poterla conoscere completamente e vivere appieno.
Tuttavia se avete a disposizione poco tempo vi suggerisco 9 cose da fare assolutamente in un fine settimana.
murales al quartiere Vucciria a Palermo

Un Week end a Palermo

Il capoluogo siciliano, come del resto tutta l’isola, ha origini greco-romane e nel corso della storia ha subito diverse dominazioni (normanna, araba e spagnola) le cui tracce sono ancora visibili nei suoi palazzi, chiese e monumenti.
Il centro e i dintorni sono ricchi di cose da vedere e non è semplice decidere cosa fare a Palermo in 3 giorni.
Io ho visitato la città in compagnia di due amici originari di qui, che mi hanno fatto vivere la città un po’ da turista e un po’ da locale.
Perciò, dopo la mia esperienza, voglio condividere con voi le cose da non perdere se avete in mente di trascorrere qualche giorno qui!
chiesa di San Cataldo

  1. Passeggiare in centro tra le bellezze storiche

    Tra le cose da fare se trascorrerete 3 giorni a Palermo non potete ovviamente perdere una passeggiata nel centro storico per respirare la storia che ha segnato la città: la Chiesa di San Cataldo (di origini arabe) e la Chiesa della Martorana (bizantina), entrambe in piazza Bellini; la fontana Pretoria dove sorgono anche il comune e altre due chiese, il Teatro Massimo e il Palazzo dei Normanni.
    cattedrale di Palermo

  2. Visitare la Cattedrale

    Di enorme importanza e assolutamente imperdibile la Cattedrale, la cui costruzione terminò nel 1185, e non è altro che il risultato di diverse culture: cristiana, normanna e saracena. Di grandi dimensioni, all’interno ospita le spoglie dei reali di Sicilia.
    orto botanico di Palermo

  3. Perdersi tra le piante dell’orto botanico

    A pochi passi dal mare e dal centro storico si trova questo immenso giardino dove si possono ammirare diverse specie di piante mediterranee, subtropicali e tropicali.
    prodotti tipici del marcato la Vucciria

  4. Fare la spesa al mercato Vucciria o Ballarò

    Se volete fare un salto nel passato e vivere il popolo palermitano, una cosa da fare nei vostri 3 giorni a Palermo è  il giro per i mercati rionali più famosi. Per raggiungere sia la Vucciria che Ballarò attraverserete vicoli con palazzi in rovina ma respirerete l’autenticità: il vociare dei commercianti e della gente che si reca quotidianamente a fare la spesa, gli odori forti del pesce mischiati a quelli più delicati di origano e capperi, i colori della frutta e delle verdura fresca di stagione.
    Vi consiglio di fare scorta di questi prodotti che potrete anche trasportare tranquillamente nel vostro bagaglio a mano!
    resti della chiesa di Santa Maria dello Spasimo

  5. Vedere la chiesa di Santa Maria dello Spasimo

    In una delle zone più antiche della città, poco menzionata nei circuiti turistici, è invece una delle cose da non
    perdere perché si respira storia, fascino e carisma.
    pane panelle,arancini e cannoli

  6. Mangiare arancine, cannoli e pane e panelle

    Tra una visita e l’altra vi verrà sicuramente fame, perciò per una breve pausa pranzo vi consiglio di mangiare uno di questi piatti tipici veloci e da asporto anche se non facilmente digeribili.
    Io ho adorato gli arancini di un locale che si chiama Ke palle “arancine d’autore” (in via Maqueda ) dove potrete trovarne diversi tipi.
    Pane e panelle, invece, l’ho assaggiato prendendolo direttamente da un baracchino sulla spiaggia di Mondello.
    E i cannoli? Fermatevi nella pasticceria che vi ispira di più…avrete l’imbarazzo della scelta.
    la grande spiaggia palermitana

  7. Prendere il sole e fare un bagno a Mondello

    Non importa in che stagione dell’anno veniate a Palermo, ma non potete non andare alla famosa spiaggia di Mondello, a 30 minuti di strada ( è molto trafficata) dal centro. Qui potrete sdraiarvi a prendere il sole e se fa caldo buttarvi nello splendido mare siciliano, oppure se non è la stagione per il costume fare una passeggiata sul lungomare.
    cattedrale di Monreale

  8. Vedere Monreale

    Nei vostri 3 giorni a Palermo, prendetevi qualche ora, accordatevi con un tassista e fatevi portare a Monreale, dove oltre a godere di uno splendido panorama, potrete visitare la famosa cattedrale in stile normanno-arabo con annesso un silenzioso chiostro benedettino.
    Fate poi due passi tra le vie del centro piene di negozi di ceramiche colorate!
    ristorante pesceria da provare nei 3 giorni a Palermo

  9. Cenare  in pescheria

    Un posto che ho conosciuto grazie ai mie amici è “La Pesceria” (via Quintino Sella) dove si mangia dell’ottimo pescato di giornata: non è un ristorante vero e proprio ma un locale con prodotti freschi che potete scegliere tra quelli disponibili e che poi verranno cucinati al momento.
    Per bere? Bisogna servirsi al locale attiguo!

E se vi è venuta voglia di vedere questa magnifica città prendetevi subito qualche giorno di ferie, prenotate un biglietto aereo e partite!

 

partoforsetorno
Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.