ENOGASTRONOMIAITALIA

Langhe : 4 cose imperdibili

Scorci_langhe.jpg

Le Langhe, storica regione del Piemonte, sono sinonimo di tartufo e vino; solitamente si viene in questa zona in compagnia di amici per mangiare e bere, ma anche per trascorrere un fine settimana romantico con la propria dolce metà.
Io se riesco cerco di fare ogni anno, in autunno, un giro tra queste dolci colline coltivate a vigne e noccioli, spesso magnificamente avvolte da una sottile nebbiolina.
Ormai è diventato un appuntamento fisso, soprattutto da quando ho scoperto di amare questo “fungo” dall’odore intenso.
Tuttavia non bisogna dimenticare che in questa zona ci sono molti comuni che meritano di essere visitati.
Chi ha voglia e tempo dovrebbe dedicare un po’ di tempo a perdersi tra le distese collinari, gli antichi borghi e i castelli arroccati che hanno contribuito a far diventare Patrimonio dell’Umanità le Langhe, il Roero e la zona del Monferrato.

4 Cose da fare assolutamente nelle Langhe

Le Langhe vanno viste, annusate e gustate!
Ma cosa non perdersi se si decide di venire qui per un week end o una gita fuori porta.
Per prima cosa, a mio parere, chi viene in questi luoghi deve amare la cucina e le tradizioni, se poi si è anche discreti bevitori di vino, tanto meglio!
Detto questo, i miei consigli se deciderete di venire in questa parte di Piemonte, riguardano proprio gli aspetti eno-gastronomici del territorio, senza però tralasciare un po’ di storia!

Barolo classico

  1. Visitare Barolo

    Sono molti i comuni delle Langhe degni di nota, ma a mio parere Barolo merita sicuramente una visita.
    È un piccolo paese immerso tra le vigne dove le case sono dominate dalla mole squadrata del castello Faletti che ospita al suo interno il Wine Museum.
    Gli amanti delle etichette non possono perderselo: un luogo dove effettuare un vero viaggio che parte dalle antiche cantine sotterranee, fino alla terrazza panoramica al terzo piano del castello.

  2. Fare un salto ad Alba

    Famosa per la fiera del tartufo che ogni anno tra ottobre e novembre richiama turisti, appassionati ed esperti, Alba è una cittadina con un centro storico ben conservato, un corso ricco di negozi e belle chiese. Se poi verrete qua quando è in corso la fiera, vale la pena fare un giro tra i numerosi stand.
    cantina a Serralunga d'Alba

  3. Degustare del buon vino in cantina

    Per gli appassionati di vino consiglio una visita con degustazione in una delle tante cantine delle Langhe.
    Io vi suggerisco la Cantina Borgogno nel pieno centro di Barolo ( alla fine del giro salite sulla terrazza che domina il paese), oppure la cantina Fontanafredda a Serralunga d’Alba.
    Quest’ultima è inserita tra le vigne, all’interno di una tenuta con un grande parco e la villa reale dove è ancora vivo il ricordo del Re Vittorio Emanuele e della Bella Rosina.
    cucina delle Langhe

  4. Assaggiare la cucina tipica

    Sebbene il re della cucina delle Langhe sia il tartufo, i piatti tipici non prevedono solo questo fungo.
    Potrete gustare piatti a base di carne, antipasti particolari e primi gustosi.
    Tra le specialità che più amo ci sono: la salsiccia di Bra, la battuta al coltello, le acciughe alla salsa di nocciole, la giardiniera, il vitello tonnato, i ravioli al plin, e i tajarin conditi con burro e tartufo, o con sugo di carne.
    Volete un suggerimento? Io ho mangiato molto bene sia al “Ristorante la Cascata” a Verduno (Cn), una grande cascina immersa in un parco con due laghetti.
    Un altro nome che non mi ha deluso è la “Trattoria alle Vigne” a Diano d’Alba (Cn) in un contesto affascinante, sulle colline e tra i vigneti.

E se vi ho incuriosito non vi resta che prenotare in qualche bel B&b e partire! Preparatevi a mettere su qualche kg!

partoforsetorno
Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.