ASIA

Balaji e il tempio degli esorcismi tra Agra e Jaipur

fedeli_indu_india.jpg

C’è un posto in India che a mio parere i veri viaggiatori alla ricerca di un luogo autentico non dovrebbero assolutamente perdere: questo posto è Balaji.
Avevo letto su una guida di viaggio un piccolo trafiletto, non più di 20 righe, che descriveva sommariamente questa località e non volevo assolutamente perdere la vista al suo famoso tempio degli esorcismi, dove il sabato e il martedì vengono celebrate delle cerimonie particolari.

 Balaji in India

Balaji

Un piccolo paese tra Jaipur e Agra dove si respira un’atmosfera particolare, intrisa di spiritualità e misticismo, forse  ancora di più che a Varanasi.
Qui milioni di fedeli hindu si recano per prendere parte alle cerimonie nel tempio degli esorcismi e ciò che si vede rimane nel cuore oltre che negli occhi.
Ricordo ancora come se fosse ieri quella mattina nebbiosa in cui sono arrivata; più che in India sembrava di essere in Val Padana: l’umidità e l’intensa foschia annebbiavano i finestrini dell’autobus, e sebbene non facesse freddissimo, la temperatura percepita costringeva a coprirsi.
processione di gente a Balaji
Partita da Jaipur la mattina all’alba ho raggiunto la destinazione in due ore di bus: pioveva, le strade erano completamente infangate ma la gente correva a piedi nudi per le vie perché voleva arrivare il prima possibile al tempio.
Non c’è alcuna indicazione ma è impossibile perdersi in questo piccolo centro e soprattutto basta seguire la folla per trovare il luogo delle cerimonie.
Lungo la strada ho incontrato molte persone particolari, uomini e donne che credevano di essere possedute dagli spiriti maligni, bambini che si avvicinavano per chiedere qualunque cosa e santoni hindu che recitavano mantra in ogni angolo.
donne che vanno al tempio

Il tempio della spiritualità e del misticismo

Nei pressi del tempio, una struttura in cemento intonacata solo in parte, c’era una fila di gente ammassata e incolonnata in un circuito chiuso da alti cancelli di ferro e transenne che attendeva il proprio turno per entrare: qui sono ammessi solo i fedeli che portano i loro cari posseduti dagli spiriti maligni e aspettano che i sacerdoti, con preghiere e riti sacri, li liberino dal male.
fedeli al tempio degli esorcismi di Balaji
Gli altri possono seguire le cerimonie dall’esterno attraverso degli schermi vecchi e malmessi; le funzioni possono andare avanti ad oltranza, anche fino a tarda notte.
Io, ovviamente, non sono potuta entrare e a dir la verità non so nemmeno se avrei voluto farlo, ma mi è piaciuto passeggiare per le strade, scattare di nascosto qualche fotografia (sebbene non si possa farlo ai fedeli in attesa della cerimonia) e calarmi in questa atmosfera surreale.
santoni indu a Balaji
Ho incontrato persone compostamente disperate, gente che si trascinava e contorceva nel fango mentre gli altri continuavano a pregare, a suonare campane e a sgranare corone di fiori.
Sulla strada donne avvolte in sari coloratissimi con in testa piatti colmi di riso, mucche addobbate, scimmie dispettose e come sottofondo un vociare chiassoso.
uomini in attesa di entrare al tempio
Balaji è solo un piccolo angolo di India, fuori dai circuiti turistici; un luogo dal quale, dopo qualche ora, senti l’esigenza di scappare perché ti ipnotizza, ma un posto da vedere perché resta nel cuore.

partoforsetorno
Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.